24-06-2017

OTTANTANNI DI GIORGIO FLACCAVENTO – GLI AUGURI DEL FELICIANO ROSSITTO

giorgio flaccavento

Riceviamo e pubblichiamo: “Gli amici del Centro Studi Feliciano Rossitto ti inviano i più sentiti auguri per il tuo compleanno memori dello straordinario contributo che da oltre cinquant’anni dai alla vita culturale e politica della nostra terra. Abbiamo apprezzato l’opera di formatore di tante generazioni di giovani che hai svolto come docente e dirigente scolastico e il tuo impegno per la valorizzazione dell’identità storica e del patrimonio dei beni culturali della Sicilia e del nostro territorio. Del tuo impegno come consigliere comunale e provinciale, amministratore e dirigente politico della Democrazia Cristiana e del Partito Popolare abbiamo apprezzato la tua dedizione alla tutela dell’interesse generale della nostra comunità. Ricordiamo tra l’altro il contributo che nella prima metà degli anni settanta hai dato alla battaglia che si svolse nel Consiglio comunale della città per la destinazione a parco della collina Petrulli, sito di grande rilevanza archeologica per l’esistenza della necropoli greca arcaica del VI secolo a. C. Di grande rilevanza è stato il tuo impegno pubblicistico e di storico. Tra le tante tue pubblicazioni di grande rilevanza sono stati i volumi “Uomini, campagne e chiese. Profilo storico di Ragusa dai siculi ai nostri giorni”; “Ragusa nel tempo”, opera realizzata con la collaborazione di Paolo Nifosì e Marco Rosario Nobile. Con questi libri hai ricordato il passato della nostra comunità e difeso l’identità culturale della nostra città; hai spronato i cittadini a “conservare il santuario della sua storia”, che sono certamente Ibla e il centro storico di Ragusa Superiore. Con “Ragusa nel tempo”, hai contributo a rinnovare ulteriormente la conoscenza della storia della nostra città precisando che “oggi l’etimo più accettato del nome di Ragusa è quello di Rogos – granaio – legato all’assetto bizantino del territorio”. Con l’iniziativa di oggi, promossa da “Insieme in città” e dalla “Società per la mobilità alternativa”, hai confermato il tuo impegno con rinnovata energia a contribuire alla costruzione del futuro della nostra città. In questa giornata di festa ti rinnoviamo la nostra affettuosa vicinanza ed esprimiamo le nostre felicitazioni a tua moglie Salvina e alle tue care figlie Gaudenzia, Maria e Francesca”. Firmato Giorgio Chessari, Presidente del Centro Studi Feliciano Rossitto

Arresti per lavoro nero in agricoltura, plauso della Cgil alle forze di Polizia

1464437548911_1464437610.jpg--peppe_scifo__cgil_ragusa

Dal segretario generale Giuseppe Scifo riceviamo e pubblichiamo: “La Cgil plaude all’operazione condotta dalla Questura nel vittoriese contro lo sfruttamento in un’azienda agricola avvenuta giovedì. L’azione che ha visto impegnati diversi agenti ha scoperto l’impiego di ventisei lavoratori migranti ridotti in condizioni di neo schiavismo; paga bassissima, lavoro pesante e condizioni abitative inidonee a ospitare persone. In più è stato appurato l’impiego di lavoratori provenienti dall’Africa sub – sahariana ospiti nei diversi centri di accoglienza presenti nel territorio. Sono richiedenti asilo e lavoratori romeni, tutti sotto lo stesso comune denominatore, lo sfruttamento. L’operazione ha tratto in arresto i responsabili, ovvero gli imprenditori; in assenza di atti ufficiali è  molto probabile che la polizia abbia agito in applicazione della nuova  legge 29 ottobre 2016, n. 199. “Disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero, dello sfruttamento del lavoro in agricoltura.”. Questa norma ottenuta grazie all’impegno della Cgil in anni di battaglie a partire dalle campagne delinea alcuni indici di sfruttamento, tra i quali la reiterata retribuzione inferiore rispetto alla paga contrattuale, le violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro e le fatiscenti condizioni alloggiative messe a disposizione dai datori di lavoro. Inoltre la legge 199 punisce gli imprenditori che si approfittano dello stato di bisogno e in generale della vulnerabilità dei lavoratori. Questa condizione si riferisce soprattutto ai lavoratori migranti in particola i richiedenti asilo. L’impiego di questi ultimi in condizioni di sfruttamento apre scenari preoccupanti che chiamano in causa anche i responsabili dei programmi di accoglienza. La Cgil già in alcune strutture ha promosso dei momenti formativi rivolti ai migranti ospiti per parlare dei rischi di grave sfruttamento in alcuni ambiti nel nostro territorio. Su questa via noi intendiamo continuare a collaborare con le Istituzioni e i diversi centri di accoglienza al fine di creare consapevolezza sui rischi reali che possono presentarsi dietro le offerte di lavoro. Seguendo il ragionamento sugli indici di sfruttamento il problema si allarga su dimensioni molto ampie di responsabilità da parte d’imprenditori. La paga molto inferiore rispetto a quella prevista di contratti provinciali di lavoro in relazione agli orari di lavoro è una questione molto diffusa nel comparto agricolo ragusano, specie nella zona ipparina. Questa condizione riguarda sia i lavoratori stranieri sia gli italiani. Una condizione presente anche in aziende grandi e strutturate. In questi giorni stiamo conducendo una vertenza nei confronti di una grande azienda agricola all’interno di una O.P. che impiega lavoratori in prevalenza italiani pagati 35 euro per  8,5 ore di lavoro al giorno per 6 giorni a settimana. I lavoratori si sono rivolti alla Flai Cgil ma temono ritorsioni e la perdita del posto di lavoro. Questa situazione è purtroppo assai diffusa. Al tempo stesso riscontriamo una condizione migliore, anche se non del tutto regolare, sul versante ispicese dove ci sono diverse grandi aziende che operano alle stesse condizioni di mercato. Esistono anche realtà di aziende regolari nel nostro territorio a dimostrazione del fatto che l’agricoltura nelle regole è possibile. In ogni caso la crisi strutturale legata alla commercializzazione non può mai giustificare il comportamento d’imprenditori che operano lo sfruttamento selvaggio ai danni dei più deboli. Tutto questo nel 2017 è inammissibile. Occorre che le Istituzioni, a partire dagli enti locali e dagli uffici preposti di controllo, assumano consapevolezza sulla gravità del fenomeno. Tutto questo potrebbe avere pesanti ripercussioni sul mercato poiché la crescente sensibilità dei consumatori impone ai produttori e all’intera filiera la qualità e la responsabilità sociale, non più presunta, auto dichiarata bensì certificata. Dalle immagini diffuse dalla Questura emerge una grande professionalità delle forze di polizia impiegate e la sensibilità nei confronti delle vittime. Di questo siamo veramente grati al Questore e tutti gli uomini e le donne impiegate nell’operazione”. Firmato Il Segretario Generale della Cgil di Ragusa Giuseppe Scifo

RINVIO INAUGURAZIONE NUOVO OSPEDALE DI RAGUSA

1448353478-0-arico-candidato-al-burlo-di-trieste

Con riferimento alla prevista inaugurazione del nuovo presidio ospedaliero “Giovanni Paolo II” di Ragusa, il Direttore Generale dell’Asp di Ragusa, Maurizio Aricò, comunica che “per sopravvenute criticità, in corso di risoluzione, la stessa non avrà luogo in data 26/06/2017. Sarà cura di questa Direzione rendere nota, a breve, la nuova data di inaugurazione”.

POZZALLO, TRE DONNE FERITE IN UN INCIDENTE STRADALE

IMG-20170623-WA0001

Alle ore 10:30 di venerdì personale del Nucleo di Pronto Intervento della Polizia Provinciale è intervenuto sulla strada provinciale n 46 denominata “Ispica – Pozzallo”, al Km. 4, all’intersezione con strada Regionale n° 45 denominata “Recupero – Campanella” per un sinistro che ha coinvolto una Fiat Panda con a bordo la conducente G. R. 24 anni di Pozzallo e la passeggera C.G. 54 anni di Pozzallo e un MultivanVolkswagen con a bordo la conducente S. F. 48 anni di Trento.

BASKET FEMMINILE, JESSICA KUSTER A RAGUSA

kuster

Jessica Kuster è la prima delle due americane che vestiranno la maglia della Passalacqua Ragusa nella prossima stagione e comporrà, con Astou Ndour e un’altra lunga statunitense, il trio delle straniere che, insieme al nucleo di italiane, dovrà costituire il punto di forza del roster di coach Gianni Recupido. Kuster è nata a San Antonio (Texas) il 20 agosto del 1992. Ala piccola statunitense di 188 cm, ha frequentato il college di Rice diventando l’All time leading scorer (2.081 punti), l’All time leading rebounder (1.376 rimbalzi) e l’All time leading in double-doubles (67 doppie doppie) del college. Atleta molto prestante fisicamente, è dotata di ottime skills sia a livello offensivo che difensivo. E’ una delle sole 145 giocatrici nella storia dell’NCAA Div.I ad aver stabilito il record di oltre 2.000 punti segnati e 1.000 rimbalzi catturati, destando l’interesse di club WNBA come San Antonio Stars e Tulsa Shock. Ha iniziato la sua carriera europea esordendo nella stagione 2014-15 in Romania, palcoscenico che le ha dato la dato la possibilità di mettersi in mostra nelle file dell’Alba Iulia, dove ha chiuso con l’eccellente media di 17.7 punti, 9.1 rimbalzi, 2.7 assist e 1.6 rubate a partita in 32.9 minuti giocati. Nella stagione 2015-16 Kuster è quindi approdata in Repubblica Ceca, a Nymburk, confermandosi ottima realizzatrice e rimbalzista, chiudendo l’anno con 12.9 punti, 6.6 rimbalzi e 2.0 assist di media in 26.6 minuti giocati in campionato e riuscendo a far ancora meglio in EuroCup Women, al suo esordio nella competizione, dove ha messo a referto 13.5 punti, 7.6 rimbalzi e 2.5 assist in 32.3 minuti di utilizzo, tirando sempre con il 47% dal campo ed oltre il 30% dal perimetro. Nella stagione appena trascorsa, l’ala piccola statunitense è stata impegnata ancora una volta in EuroCup, stavolta in Ungheria, dove è stata voluta fortemente dal PEAC-Pecs. Qui Kuster ha giocato 27 partite in campionato, facendo segnare sulle statistiche ben 16.9 punti di media, 7.4 rimbalzi e 2 assist a partita ed un redditizio 13.1 punti, 5.8 rimbalzi ed 1.8 assist in Europa. E’ risultata alla fine seconda per punti segnati nel campionato ungherese e tra le prime quindici atlete di EuroCup per punti segnati, rimbalzi catturati e tiri liberi messi a segno. “Quando ho detto alla mia famiglia che avevo intenzione di giocare in Sicilia – ha dichiarato l’ala statunitense – ho visto il più grande entusiasmo da parte loro da quando gioco in Europa. Sono molto contenta perché so che questa è una grande squadra e so che le straniere che sono arrivate in passato sono state di primo livello. Sono molto entusiasta di venire a giocare a Ragusa. Ho anche sentito dire che la tifoseria di Ragusa è molto calda e numerosa: non vedo l’ora di incontrarli e conoscerli”.

Sfruttamento manodopera a Vittoria, arrestati due imprenditori agricoli

BUSACCA Valentino, 15.2.1986 comiso

La Polizia ha tratto in arresto Valentino Busacca nato a Comiso il 15.02.1986 e Angelo Busacca nato a Vittoria il 11.01.1969, perché in concorso tra loro hanno commesso il reato di sfruttamento del lavoro previsto dalla nuova normativa sul caporalato. Reato aggravato dal numero di lavoratori reclutati e dall’aver esposto i lavoratori sfruttati a situazioni di grave pericolo per le condizioni di lavoro. Gli uomini della Squadra Mobile di Ragusa, appostati nei pressi dell’azienda agricola “Busacca”, notavano che alle ore 05.30, le prime auto cariche di lavoratori giungevano all’interno dell’azienda e l’attività di osservazione permetteva di contare una trentina di uomini provenienti dal centro Africa. Alle 08.30 i poliziotti circondavano l’azienda al fine di evitare la fuga dei lavoratori, facendo quindi ingresso nell’azienda. All’interno del terreno sottoposto a controllo, di circa 80.000 mq, operavano 3 aziende agricole del settore coltivazione in serra di ortaggi. Una delle ditte sottoposte a controllo non impiegava alcun operaio in quel momento, un’altra solo 4 operai tutti regolarmente assunti anche se pagati solo se prestavano l’attività lavorativa a 25 euro al giorno, pur avendo firmato un contratto che prevedeva il pagamento di 63 euro. Essendo in palese difformità con quanto previsto dalle norme vigenti, il titolare veniva denunciato in stato di libertà. La terza azienda presente, i cui datori di lavoro sono i fratelli Busacca Angelo e Valentino, al momento del controllo, impiegava ben 26 lavoratori, uomini e donne, nella raccolta di pomodori. Oltre a coloro che sono stati bloccati e identificati dalla Polizia di Stato, vi erano degli operai che riuscivano a darsi alla fuga, considerata la vastità del terreno sottoposto ad ispezione. Le condizioni di lavoro e di vita all’interno dell’azienda erano non solo degradanti ma umilianti. Nessuno dei lavoratori era stato mai sottoposto a visita medica pur dovendo lavorare in condizioni di forte stress fisico e nessuna delle prescrizioni previste dalla normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro era stata rispettata. Gli alloggi fatiscenti costruiti abusivamente all’interno dell’azienda, davano ospitalità a 15 lavoratori in condizioni degradanti e del tutto incompatibili per l’essere umano. Il resto dei lavoratori invece, veniva prelevato ogni mattina dai titolari che quindi si occupavano anche di reclutare, senza intermediazione, gli operai. Quanto accertato dalla Polizia è stato ammesso dai due datori di lavoro che si assumevano le proprie responsabilità, riferendo però di non essere diversi dagli altri e che tanti operano in questo modo per abbattere la concorrenza. I due arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Il sindaco di Scicli saluta Zingaretti e Sironi nell’ultimo giorno di riprese

Sironi sindaco Giannone Zingaretti

“Scicli non diventi un luna park, mantenga la sua identità culturale, così alta, così importante”. A parlare è il regista Alberto Sironi. Una scena insolita si è consumata giovedì pomeriggio al pianterreno del Municipio di Scicli. Il sindaco Enzo Giannone si è recato, in compagnia del suo vice, con delega alla cultura, Caterina Riccotti, sul set del Commissariato di Salvo Montalbano, allestito appunto nei locali comunali, per salutare Luca Zingaretti e il regista Alberto Sironi, nell’ultimo giorno di riprese. Il colloquio ha avuto come focus la città, la valorizzazione dei beni culturali, dei “luoghi di Montalbano”, delle aree pedonali. Zingaretti ha fatto una riflessione sull’importanza degli spazi pubblici fruibili ai pedoni, sulla importanza di far rivivere le città partendo dai loro centri storici, dalla dimensione di vivibilità degli stessi, parlando di Roma, di Napoli, per finire a Scicli. Il sindaco Giannone ha illustrato il progetto di rifunzionalizzazione dell’ex Convento del Carmine, dove sarà allocata la Fondazione Piero Guccione. Zingaretti conosce il Gruppo di Scicli e i suoi quadri. “Lì al Carmine, una volta, prima del restauro, abbiamo girato”, ha ricordato l’attore romano. In una atmosfera quasi surreale, da set cinematografico, Zingaretti, Giannone e Sironi hanno discusso di Scicli e dell’importanza di tenere fra le mani, come un oggetto prezioso, questa città fragile e bellissima. Venerdì l’ultimo ciak per questa stagione.

SMANTELLAMENTO DEL SERVIZIO DOPOSCUOLA AL COMUNE DI RAGUSA

Elisa Marino (3)

“Hanno smantellato il servizio doposcuola, dopo decenni di pregiata attività, sin dal 1982, perché avevano la necessità di potenziare l’assistenza per gli asili nido. E ora cosa fanno? Chiedono ad alcune insegnanti se sono disponibili a operare in seno all’assessorato ai Servizi sociali? Ma, scusate, stiamo scherzando sulla pelle di queste persone? E’ davvero assurdo quanto sta accadendo”. A denunciare la Giunta municipale è la consigliera comunale Elisa Marino che, a nome del gruppo Insieme, evidenzia alla stregua di una scelta da biasimare quella adottata dal Comune di Ragusa.

Camcom Ragusa avverte: attenti all’inganno

camera-commercio

La Camera di Commercio di Ragusa informa che in queste settimane, in coincidenza con le scadenze per il pagamento del diritto annuale, a molte imprese vengono recapitati dei bollettini di conto corrente postale accompagnati da diciture che richiamano genericamente “CAMERE DI COMMERCIO” o “REGISTRO IMPRESE” e che possono fare credere, ad una lettura veloce, di essere state inviate dalla Camera. Alcune imprese hanno aderito e pagato quanto richiesto, ritenendo di avere adempiuto ad un obbligo discendente dall’iscrizione alla Camera di Commercio. Si tratta in genere di proposte di natura commerciale per servizi pubblicitari delle quali le Camere di Commercio sono del tutto estranee. Si invitano le imprese, al ricevimento di comunicazioni analoghe a valutare con attenzione se si tratta di proposte commerciali non obbligatorie, che non hanno alcun collegamento con l’iscrizione alla Camera di Commercio o di eventuali adempimenti di legge. Nel caso di ricevimento di tali comunicazioni invitiamo le imprese, prima di procedere al pagamento, a rivolgersi tempestivamente alla Camera di Commercio – [email protected] – 0932 671254, o al proprio professionista di fiducia o alla propria associazione, per verificare se si tratta di un adempimento obbligatorio o di una pura e semplice offerta commerciale. Si conferma che l’unico modo per pagare il diritto annuale alla camera di commercio e’ il versamento tramite modello di pagamento per le imposte F24. Invitiamo, infine, le imprese che hanno ricevuto tali comunicazioni a consegnarne copia alla Camera di Commercio che le sta raccogliendo, al fine di esaminare eventuali azioni legali.

Impianto trattamento rifiuti a Scicli, le azioni della giunta per impedirne la nascita

eylqf_scicli-ragusaL’amministrazione comunale di Scicli ribadisce che ha posto in essere azioni amministrative finalizzate all’annullamento dell’autorizzazione ambientale rilasciati dai competenti organi regionali alla società A.Ci.F per il trattamento di rifiuti speciali e non sul territorio sciclitano. Di recente gli uffici comunali hanno effettuato diversi controlli nell’azienda di trattamento rifiuti per verificare la corrispondenza tra le attività in corso e quanto dichiarato negli atti presupposti all’autorizzazione.

 

In carcere altri due membri della famiglia di pastori, per il tentato omicidio avvenuto a Comiso 10 giorni fa

CALABRESE GAETANOLa Polizia di Stato ha eseguito la misura della custodia cautelare in carcere a carico dei gelesi Gaetano Calabrese e Angelo Calabrese. Venerdì 9 giugno un imprenditore comisano si avvedeva che all’interno del suo oleificio in c.da Rinazzi al confine tra Comiso e Vittoria, ignoti avevano  divelto un infisso, pertanto chiudeva il cancello per evitare la fuga dei ladri. Essendo a conoscenza che vicino il proprio terreno vi abita una famiglia di pastori di cognome Calabrese con numerosi pregiudizi penali, insospettito si recava presso l’abitazione di Francesco Calabrese soggetto di sua conoscenza che settimanalmente riceve da lui prodotti ortofrutticoli per gli animali. L’uomo chiedeva al Calabrese se fosse stato lui a commettere il tentato furto e questi per tutta risposta inveiva contro la vittima tentando altresì di colpirla, pertanto l’imprenditore desisteva e andava via, chiedendo solo di non essere importunato. Alle ore 00.30 di sabato l’uomo veniva bloccato, poco distante dall’azienda, da due auto che lo facevano rallentare fino a farlo fermare, posizionandosi una davanti e una dietro. Dall’auto scendevano 4 persone, due delle quali venivano riconosciute dalla vittima per i fratelli Calabrese. I 4 malfattori prendevano a sprangate l’auto ed uno di loro, identificato per Francesco Calabrese, estraeva un’arma esplodendo diversi colpi d’arma da fuoco all’indirizzo della vittima che restava in auto. Uno dei colpi veniva sparato alle spalle e si conficcava nel sedile dell’auto all’altezza del torace senza però ferire il conducente. La vittima riusciva a tamponare le due auto con manovre repentine, creandosi lo spazio necessario per darsi alla fuga. Le indagini della Squadra Mobile e del Commissariato di Comiso, coordinate dalla Procura della Repubblica di Ragusa, hanno permesso, in tempi record, di individuare tutti gli autori dell’efferato crimine. Grazie al lavoro degli investigatori ed alla testimonianza diretta della vittima venivano individuati in un primo momento, i due fratelli Francesco e Orazio sottoposti a fermo dopo 24 ore dal tentato omicidio. Per individuare i due complici la Polizia ha deciso di intercettare il padre Gaetano Calabrese ed il figlio più piccolo Angelo di appena 18 anni, scoprendo così che anche questi avevano partecipato al raid. Le intercettazioni hanno permesso di delineare una estrema pericolosità della famiglia Calabrese, pronta a tutto, addirittura a portare a termine l’omicidio una volta rimessi in libertà.

Il successo del Texas Hold ‘Em in Europa

texas

Trattare il gioco d’azzardo come argomento è diventato sempre più popolare e diffuso, negli ultimi anni, per via del successo del gioco online e del poker sportivo che ha avuto una grande cassa di risonanza mediatica. Il poker nella sua variante più spettacolare, ovvero quella del Texas Hold ‘Em, ha conosciuto una fase di popolarità ascendente che mai si era vista in Europa. In Italia si giocava, prima di questa nuova moda, principalmente al poker classico. Tuttavia nel corso degli ultimi 10 anni e grazie anche al successo e alla popolarità sempre maggiore del gioco online, s’è diffusa la cultura del Texas Hold Em. Sarebbe interessante studiare questo tipo di fenomeno da un punto di vista sociologico, dato che negli Stati Uniti, il gioco ha avuto una grande diffusione nel corso degli ultimi 50 anni. Noi europei abbiamo imparato ad amare questo gioco, grazie anche ai programmi televisivi che ce l’hanno insegnato in modo molto semplice, così come dovrebbe essere per ogni tipo di gioco. La spettacolarità data da questa variante del poker è diventata specialmente per i giovani sempre più richiesta e gettonata. Sono le fasi di gioco con tutte le sue variante a determinare il suo successo. In particolare la possibilità di rilancio, che viene data sul pre-flop, e poi ancora sul flop, sul turn, sul river e sullo showdown, lo rendono uno dei giochi più belli da seguire e da vivere da protagonista. Secondo gli appassionati tra la sua versione di casinò live e quella online, c’è davvero poca differenza. In effetti negli ultimi tempi le World Series of Poker hanno ospitato un numero sempre crescente di giovani gamblers cresciuti alla leva del web, con la sezione texas holdem su William Hill Poker come punto di riferimento. Ma quali sono di fatto le varianti tra il gioco online e quello live offline?

Sicuramente giocare dal vivo comporta alcune spese che chi gioca online non deve sostenere. Le partite di torneo inoltre si possono ora giocare anche online, e non è un caso se spesso anche i giocatori più istruiti e navigati tentano la loro fortuna giocando tramite pc. Da questo punto di vista la fase di transizione tra gioco live e gioco online c’è stata, e in un primo momento i giocatori si sono schierati pro e contro la possibilità di giocare in maniera virtuale. Superato questo ostacolo, quello che rimane del Texas Hold Em è il gioco puro, fine a se stesso. Si tratta di un gioco molto audace e spettacolare, che per certi versi si può paragonare al blackjack e a tutti quei giochi con un minimo di criterio che richiedono l’uso delle carte francesi. Tuttavia il Texas Hold’Em ha delle peculiarità che lo rendono unico, per via anche del suo essere fruibile, aperto a tutti e sicuramente per l’elemento spettacolare che lo caratterizza. Gioca un ruolo essenziale anche la mitologia che c’è dietro questa variante sportiva del poker. Attraverso i divi di Hollywood e le canzoni rock, abbiamo imparato ad amarlo e ad apprezzarlo, addirittura vedendolo come una metafora di vita, e in qualche occasione di riscatto, sociale e morale.

POZZALLO, SBARCANO 440 MIGRANTI

2 ok (1)La Polizia di Stato sta gestendo il trasferimento dei migranti giunti in queste ultime ore presso le strutture individuate sul territorio nazionale dalla Prefettura di Ragusa. La Squadra Mobile di Ragusa ha tratto in arresto un uomo per reingresso in Italia in violazione di legge dopo che era già stato espulso. Nel 2017 presso l’Hot Spot di Pozzallo hanno già fatto ingresso 5990 in occasione di 18 approdi; nel 2016 erano arrivati 18.488 migranti in occasione di 56 sbarchi. Per quest’ultimo sbarco di 440 persone sono stati fermati due scafisti, uno della Nigeria e l’altro del Camerun. Le imbarcazioni, tre gommoni e una barca di legno, erano, ancora una volta, partite dalle coste libiche. I migranti provenienti dal centro Africa sono stati ospitati presso l’Hot Spot di Pozzallo per essere visitati, identificati e trasferiti in altri centri. Le operazioni di sbarco non hanno fatto registrare criticità ed è stata prestata la massima attenzione verso i soggetti che avevano bisogno di cure mediche, in particolar modo diverse donne incinte e minorenni. Dopo aver raccolto tutte le testimonianze, gli scafisti sono stati condotti in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria iblea.

RAGUSA, BILANCIO DI PREVISIONE 2017-2019

assstefanomartorana-2La Giunta Piccitto ha approvato, come proposta per il Consiglio Comunale, la delibera  sul bilancio. I documenti, che contengono gli indirizzi fondamentali dell’Amministrazione per il triennio di riferimento e i budget assegnati ai settori della struttura organizzativa dell’Ente, riportano un bilancio complessivamente pari a € 196.205.367,47 per l’anno 2017, € 152.452.764,59 per il 2018 e € 150.172.845,65 per il 2019. Le entrate da trasferimenti dallo Stato, dalla Regione, dall’Unione Europea e da altre amministrazioni pubbliche ammontano, per l’anno 2017, a € 14.167.829,49, confermando un trend di progressiva riduzione, che richiede ai comuni una maggiore autonomia finanziaria, non potendo assicurare la copertura dei servizi rivolti ai cittadini attraverso risorse statali o regionali. Le entrate di natura tributaria si confermano agli stessi livelli dello scorso anno, per l’anno 2017, pari a €54.444.702,73. Le entrate extratributarie si riducono significativamente, passando dai € 33.909.734,06 del 2016 ai € 26.925.890,48 del 2017, per effetto, soprattutto, di una riduzione dei proventi da royalties su estrazioni minerarie. Risulta confermato l’impianto complessivo della spesa, che assicura la continuità dei servizi e il miglioramento dei fondamentali economico-finanziari, proseguendo nel percorso di risanamento avviato a partire dal 2013 e confermato dal miglioramento dei tempi di pagamento ai fornitori e dai dati confortanti contenuti negli ultimi rendiconti consuntivi approvati dalla Giunta Municipale e dal Consiglio Comunale. Numerose anche le opere pubbliche previste. Si tratta di investimenti complessivi pari a € 3.920.000,00 per il 2017, € 3.700.000,00 per il 2018 e € 3.200.000,00 per il 2019. Tra gli interventi proposti dalla Giunta Municipale, gli interventi di riqualificazione degli impianti di pubblica illuminazione, la riqualificazione delle aree a verde pubblico, il rifacimento della pavimentazione stradale della Zona Artigianale di Ragusa, il rifacimento della rete acquedottistica di Viale delle Americhe e delle vie limitrofe, la messa in sicurezza dei solai della scuola elementare Cesare Battisti, gli interventi per la messa in sicurezza degli  edifici scolastici comunali e i lavori straordinari di manutenzione stradale. Sul fronte delle partecipate, confermato, anche per il triennio 2017-19, il sostegno al Consorzio Universitario Ibleo, funzionale al consolidamento e all’ampliamento della presenza universitaria a Ragusa e al Corfilac.

RAGUSA, LAVORI DI RIPAVIMENTAZIONE DI VIA SANT’ANNA: BENE A META

Via Sant'Anna il tratto superiore“Non per criticare sempre e comunque. Ma se i lavori, attesi da mesi, sono finalmente fatti che ciò avvenga, se non a regola d’arte, almeno seguendo gli indirizzi del buon padre di famiglia”. E’ l’affermazione che arriva dal presidente del movimento politico-culturale Ragusa in Movimento, Mario Chiavola, dopo avere raccolto le segnalazioni dei cittadini sulla ripavimentazione di via Sant’Anna. “Prendiamo atto del fatto – aggiunge Chiavola – che numerosi sono stati i problemi di carattere burocratico e tecnico che hanno impedito all’Amministrazione comunale di potere espletare gli adempimenti previsti nei tempi dovuti. Quindi, seppur in ritardo di mesi rispetto al completamento degli interventi di sostituzione della rete idrica obsoleta e fatiscente dell’intera zona, fatto assolutamente positivo, si è arrivati al dunque in queste ore. Ci chiediamo, però, perché nessuno abbia provveduto a monitorare come gli interventi di ripavimentazione sarebbero stati eseguiti. Infatti, se tutto è proceduto nella maniera migliore nella parte bassa di via Sant’Anna, quella che dall’incrocio con via Mario Leggio procede verso via Roma, lo stesso non si può dire per la parte superiore visto che con l’asfalto l’impresa appaltatrice ha coperto tutto, compreso la zanella formata dalle basole storiche. Diciamo noi: ma è mai possibile che si proceda così senza un minimo di attenzione, eliminando come se nulla fosse, con un colpo di bitume, è proprio il caso di dirlo, le tracce della nostra storia? Chiediamo al sindaco Piccitto e al vicesindaco Iannucci, che ha la delega ai Centri storici, di provvedere e di adoperarsi per trovare una soluzione a quello che, a tutta prima, sembra una disattenzione clamorosa a cui bisogna porre rimedio”.

 

A RAGUSA LE SOLENNI CELEBRAZIONI IN ONORE DEI SANTI PIETRO E PAOLO APOSTOLI

san-pietro-e-paoloI solenni festeggiamenti in onore dei Santi Pietro e Paolo apostoli a Ragusa stanno per entrare nel vivo. Questo giovedì 22 giugno, primo appuntamento nella parrocchia di via Umberto Giordano, parroco don Mauro Nicosia. Alle 8,30 si terrà la celebrazione eucaristica, alle 18 con suono festoso di campane e lo sparo di salve a cannone sarà dato il via ai solenni festeggiamenti in onore di San Paolo apostolo. Dalle 9 alle 19, inoltre, è in programma l’adorazione eucaristica. Alle 19 si terrà la celebrazione eucaristica e, a seguire, la processione. Venerdì 23 giugno, invece, sarà celebrata la solennità del Cuore di Gesù. Alle 8,30 è in programma la celebrazione eucaristica. In mattinata, inoltre, ci sarà la raccolta alimentare ad opera della conferenza di San Vincenzo de Paoli per le famiglie bisognose presso i supermercati presenti nel territorio della parrocchia. Alle 18, in più, si terrà la preghiera del Santo Rosario, alle 18,30 la celebrazione dei Vespri, alle 19 la celebrazione eucaristica presieduta da don Andrea Pomillo, animata dai ragazzi, operatori e volontari dell’Anffas onlus di Ragusa. Durante la serata ci sarà l’esibizione di musicoterapia a cura dei ragazzi dell’Anffas “Clapping music”. Alle 20, poi, sarà dato il via alla XVI sagra della pizza e spazio al varietà musicale a cura di Saretto Brullo. Nella parrocchia di San Pietro apostolo, invece, dopo la santa messa delle 8,30, alle 18 è in programma la preghiera del Rosario e alle 18,30 la celebrazione eucaristica presieduta dal sacerdote Salvatore Cannata, vicario foraneo di Ragusa. Alle 21, sul sagrato della chiesa, la compagnia teatrale “Gli amici di San Pietro” presenterà la commedia “Come si rapina una banca”.  La processione con i due simulacri si terrà domenica 25 giugno in serata.

 

 

Calcio a Ragusa: parla La Porta “Costruiamo un percorso di unità tra le varie società”

 

la porta angelo (1)Il consigliere comunale di Insieme Angelo La Porta è seriamente preoccupato per il futuro del calcio a Ragusa ed è per questo che in Consiglio Comunale ha lanciato l’idea di creare un contenitore unico per il calcio a Ragusa e mettere fine alle divisioni che non servono a nulla. Dice il consigliere di Insieme: “Alcuni giorni addietro è stato doveroso da parte mia intervenire in consiglio comunale sia per il mio ruolo  di consigliere comunale ma soprattutto da ex giocatore di quella gloriosa squadra di calcio, l’U.S. Ragusa, che ha dato lustro per tantissimi anni in campo nazionale alla nostra città e tantissime soddisfazioni ai tifosi e a tutti gli appassionati. Sicuramente  oggi, le condizioni di gestione delle società di   calcio sono differenti ed anche molto onerosi  se si vuole avere  una squadra di alto livello rispetto al passato. Con la mia comunicazione nell’aula consiliare ho cercato di  investire l’amministrazione  comunale e in particolare il sindaco e il vice sindaco con delega allo sport  per farsi carico, così come lo è stato  per il rugby, di creare un contenitore  unico aprendo  un confronto con le società di calcio presenti in città e perché no, anche con il Marina calcio, e  coinvolgendo anche tante risorse presenti in città che ancora hanno tanto da dare  a questo fantastico sport”. Poi, c’è il La Porta amarcord: “Mi vengono in mente tanti ricordi risalenti agli anni 70, quando facevo parte della squadra dell’U.S. Ragusa, era tutta un’altra storia rispetto ad oggi, vi era molto più professionismo nella gestione della società e della squadra, allenamenti che iniziavano il martedì e terminavano con la rifinitura del sabato mattina”. La Porta conclude: “Oggi, nonostante gli sforzi economici delle varie  dirigenze che si sono succedute negli anni e degli sponsor, non si riesce a portare la squadra a quei livelli che la città merita. Però la frammentazione porta anche a questo e quindi dobbiamo finirla di farci male”.

 

 

RAGUSA, LA NUOVA STATUA DEL PATRONO NEL GIARDINO DELLA CATTEDRALE

nuovastatua-giardinoNell’ambito dei festeggiamenti della Natività di San Giovanni Battista a Ragusa giovedì 22 giugno verrà benedetta la nuova statua del Patrono del Giardino della Cattedrale, in sostituzione della precedente ormai mal ridotta. Si tratta un momento molto significativo, perché legato fortemente alla devozione dei ragusani nei confronti del Battista: questa, come si sa, consiste principalmente nella partecipazione alla processione con il simulacro, una tradizione che risale ai primi del 1600 quando vennero donate al governatore della Contea di Modica Paolo Larestia le reliquie di San Giovanni (un dente, probabilmente il molare, e un frammento osseo, provenienti dalla Cattedrale di Palermo e con autenticità attestata da un atto dell’Arcivescovo Don Diego De Aedo del 1604) e che vennero accolte dai fedeli in maniera festante con una lunga processione, durante la quale ciascuno dei fedeli portava un cero in mano. Nel corso degli anni, i ceri venivano anche lasciati all’interno della Chiesa, sia da parte di alcuni fedeli a conclusione della processione, che da chi non poteva percorrerla; la cosa però provocò diverse difficoltà, per cui si pensò di sistemare nel giardino della Cattedrale (lato Corso Vittorio Veneto) una immagine davanti la quale deporre i ceri accesi, regalata da una famiglia nobiliare che la possedeva all’interno del proprio palazzo. Questa statua, come detto, è in pessime condizioni, risistemata in maniera “molto artigianale” e per questo, negli scorsi anni, il compianto parroco Don Carmelo Tidona aveva pensato di realizzarne una nuova, aprendo una sottoscrizione per la quale contribuì un gruppo di fedeli, ma Don Carmelo non potè portare a compimento la cosa per svariati motivi tra cui la malattia. Per questo, si è fatto in modo di completare quest’anno l’iniziativa. E’ stato preparato un piedistallo in pietra di Comiso, alto 1,20 mt, sul quale posizionare una nuova statua del Battista in resina policroma che nell’atteggiameto del corpo ricorda quella processionale, da installare esattamente di fronte all’immagine della Vergine Immacolata. Subito dopo la benedizione della nuova immagine, verrà inaugurato il nuovo saloncino intitolato proprio a Padre Tidona, con ingresso da Via Roma 132: un locale che coincide con la precedente sede del Museo della Cattedrale, restaurato e adeguato grazie ai contributi dell’8 per mille e che servirà per attività pastorali, convegni ed eventi. Altro momento significativo si terrà venerdì 23 giugno, con “A Vigilia i San Giuvanni”, evento ricreativo che, nell’ottica di una “festa diffusa” che contribuisce ad una riqualificazione del centro storico nell’ottica di fare comunità: in Via Roma a partire dalle 20.00, per la degustazione delle fave, la sfilata dei “Tamburi Imperiali di Comiso” e, novità di quest’anno, i giochi giganti (Dama, Shangai, Jenga) a cura di Arcadia Comics & Games.
Scroll To Top
Descargar musica